Solomon Islands: innalzamento mari ed erosione coste

solomon_islands_mercedesroadster

L’accresciuto livello delle acque marine, combinata con l’erosione costiera, ha già fatto scomparire 5 isolotti che compongono l’arcipelago delle isole Salomone. E’ quanto denuncia uno studio australiano, secondo il quale altre sei sono gravemente a rischio. Le cinque isole scomparse non erano abitate, ma avevano una ricca vegetazione: non molto grandi, con una superficie al massimo di cinque ettari, venivano spesso usate dai pescatori locali come punto sosta.

“Non erano solo piccoli isolotti sabbiosi”, ha lamentato uno degli autori dello studio, Simon Albert. Sulle altre sei isole a rischio, l’erosione della costa ha fatto precipitare una decina di case nel mare negli ultimi cinque anni e ha obbligato due villaggi a ricollocarsi nell’entroterra. Le isole Salomone sono particolarmente minacciate non solo perche’ l’acqua è in aumento di quasi tre volte più che la media mondiale in questo zona e sia perché le onde che erodono la costa sono particolarmente violente.

E’ vero che l’arcipelago, situato a est della Papua Nuova Guinea (Oceania), è composto da circa mille sole (per una superficie che, complessivamente, copre una superficie di 28.000 chilometri quadrati). Ma è anche vero che il fenomeno, al momento, sembra inarginabile. Una minaccia silenziosa e costante per questi paradisi naturali, trionfo di biodiversità, la cui popolazione attuale supera, non di molto, il mezzo milione di abitanti.

ADUC

map_solomon_island

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.