Sciare, consigli

Nei prossimi due mesi si concentrano le offerte per le “settimane bianche” per una vacanza di sport invernali e viene da se’ praticare lo sci o lo snowboard. Per uno sciatore medio, la possibilita’ di un incidente, di una certa gravita’, si puo’ verificare ogni 680 giornate di sport e con una “settimana bianca” all’anno si puo’ sciare tranquillamente tutta la vita.
Ovviamente ci sono le norme di sicurezza.

Ne riassumiamo alcune:
– dare la precedenza a chi viene da destra;
– non fermarsi al centro della pista, in curva o nei dossi;
– obbligo di casco per i minori di 14 anni;
– adeguamento della velocita’ alle proprie capacita’ e condizioni ambientali.
Aggiungiamo che per i fuori pista e’ consigliabile portare con se’ l’Arva, lo strumento che consente di essere rintracciati in caso di valanga. Comunque, e’ bene essere accompagnati da una guida e non tentare escursioni solitarie.

Si possono stipulare polizze con un’assicurazione anche per una sola giornata o per piu’ giorni acquistando contestualmente lo skipass (leggere sempre le condizioni!).
Per l’acquisto dell’attrezzatura occorre preventivare una spesa complessiva di circa 300 euro (sci, attacchi, racchette e scarponi) o piu’ in relazione alla qualita’, alla marca e alle prestazioni che si richiedono all’equipaggiamento.

Da ricordare che non e’ pensabile passare dalla poltrona dell’ufficio alle 8 ore di sci sulla pista: il rischio di incidenti, anche lievi, e’ in agguato, in particolare nelle ore pomeridiane, quando i muscoli sono stanchi e rispondono poco alle sollecitazioni.

(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)