Italia, I dati AGCOM sull’accesso alle Reti telefoniche

Secondo i dati dell’Osservatorio Agcom, per quanto riguarda le linee telefoniche fisse calano gli accessi totali: -510 mila linee negli ultimi dodici mesi. Telecom Italia perde 750 mila accessi, gli altri operatori ne guadagnano 240 mila. Negli ultimi 4 anni Telecom Italia ha perso 2,9 milioni di accessi di cui solo 950 mila sono migrati verso gli altri operatori. La quota di mercato di Telecom Italia nel mercato dell’accesso scende al di sotto del 60%. Fastweb raggiunge il 10,8% con una crescita pari a +0,9% su base annua. Wind mostra una flessione marginale (-0,2%). Gli accessi FWA (+120 mila su base annua) rappresentano circa il 50% dell’incremento annuale. Wind continua ad essere il primo operatore alternativo, ma perde 2,3% su base annua. Cresce la quota di mercato di Fastweb (+0,8%). Gli accessi broadband a meta’ anno hanno superato i 14,6 milioni, aumentando in un anno di 440 mila unita’ (+270 mila da inizio anno). Le linee DSL diminuiscono di 210 mila, per un totale di poco inferiore ai 13 milioni. Gli accessi broadband che utilizzano altre tecnologie sono aumentati di 660 mila unita’ su base annua e di oltre 1,3 milioni sull’intero periodo considerato. La quota di mercato di Telecom Italia si riduce dell’1,3% su base annua. Crescono le quote di Fastweb e di Vodafone (per complessivi +1,2%).
Per la rete mobile, le linee totali sono diminuite di 2,7 milioni su base annua. Su base annua la quota di Telecom Italia mostra un incremento marginale (+0,3%), mentre quella di Vodafone risulta in flessione di 1,4%. Su base annua l’utenza affari (14,5 milioni di Sim) cresce di 0,6 milioni di linee. Parallelamente, le linee residenziali (78,7 milioni di Sim) segnano un arretramento di 3,2 milioni. Nel segmento residenziale i tre principali operatori hanno quote simili; di rilievo la flessione di Vodafone (-1,5%). Nell’utenza affari Telecom Italia conserva una quota superiore al 58% mentre cresce la quota di Wind (+0,3%). A giugno 2015 oltre il 78% (pari a 72,9 milioni) della customer base e’ rappresentata da schede prepagate. In termini assoluti, su base annua, queste risultano in calo di 2,9 milioni. Allo stesso tempo le Sim in abbonamento, sfiorando in giugno il 22%, hanno superato i 20 milioni, in marginale crescita (+0,2 milioni) su base annua. Nell’ultimo anno il numero delle Sim con accesso a Internet e’ cresciuto del 13,7% arrivando a sfiorare i 46 milioni. Da giugno 2011 le sim che hanno svolto traffico dati sono passate dal 26,1% ad oltre il 49% del totale. La prima meta’ del 2015 registra, rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno, una crescita del traffico dati di poco inferiore al 50%.